Comunicazione

Cosa sappiamo della salute diseguale in Italia?.
A cura dell’Università di Torino, DoRS e Servizio di Epidemiologia ASL TO3 del Piemonte e Istituto Nazionale per la promozione della salute della popolazione migranti e il contrasto delle malattie della povertà (INMP). Torino, 2017

Nell’introduzione del fascicolo informativo vengono illustrati i fattori influenti sui divari geografici della salute fra il centro-nord e il sud dell’Italia (tassi di mortalità in base al grado di istruzione, status socio-economico, recessione, disoccupazione, comportamenti insalubri, condizioni lavorative, rischi ambientali, stress cronico).

Successivamente viene sviluppato il capitolo sulle ricadute per la programmazione delle politiche di salute (indirizzi su quali benefici di salute di possano ancora guadagnare nella società italiana con appropriate politiche ed azioni da parte di tutti, motivi di orgoglio per la sanità eguale).

Nelle conclusioni vengono indicate le condizioni per raggiungere la migliore tutela della salute uguale per tutti: ognuno dei già descritti fattori di diseguaglianza di salute deve essere aggredito con soluzioni efficaci mediante un più intenso impegno nazionale nella riduzione delle diseguaglianze, evitabili e ingiuste. A questo scopo l’Italia è chiamata a coordinare la nuova Joint Action dell’Unione Europea sulle diseguaglianze della salute.

Allegati:
Scarica questo file (Factsheet-disuguaglianze-Trento.pdf)Cosa sappiamo della salute diseguale in Italia?[DoRS-Regione Piemonte]